Archivio tag: rapporti di coppia

GIOCHI PSICOLOGICI NEI RAPPORTI DI COPPIA

giochi Giochi Psicologici nei Rapporti di coppia [L’Analisi transazionale in mediazione familiare]

Che cosa è un Gioco psicologico?
Mettere in atto un gioco psicologico, in base al modello dell’Analisi Transazionale, significa impostare le relazioni affettive su uno schema ripetitivo di comportamenti, la cui conclusione comporta sempre un’emozione negativa: rabbia, tristezza, impotenza, sconforto.
I giochi psicologici, sono esperienze spiacevoli, fonte di sofferenza e di situazioni conflittuali, come tensioni, litigi, fino a separazioni dolorose.
All’interno del gioco la persona ricopre un ruolo e invita l’altra a impersonarne uno complementare.
A tal fine sceglie, inconsapevolmente, il partner tra coloro che sono in grado di interpretare un ruolo che possa intrecciarsi con il proprio.

Facciamo un esempio:
Carlo e Anna si innamorano e decidono di vivere insieme. La loro relazione parte bene, ma con il passare del tempo Carlo incomincia a far soffrire Anna, ignorando i suoi bisogni e le sue emozioni, la svaluta e la trascura. Anna continua a stare con Carlo nonostante tutto, scusa il suo comportamento e accetta il disinteresse di Carlo per quasi tre anni. Finché senza preavviso Anna lascia Carlo per un altro.
Carlo rimane stupito e sorpreso chiedendosi come mai è successo questo. Rintraccia Anna chiedendole di tornare, più lui la prega, più lei lo rifiuta duramente. La cosa strana è che tutto questo a Carlo è già successo altre volte. Ha già avuto altri tre rapporti e tre rifiuti che hanno seguito lo stesso schema. Ogni volta dice a se stesso “mai più” ma la cosa si ripete. Carlo sta giocando il Gioco “Prendimi a calci”.
Anche Anna ha già vissuto tutto questo, ha avuto svariati rapporti con uomini prima di incontrare Carlo. Sembra individuare uomini che sono gentili con lei all’inizio del rapporto e poi incominciano a trattarla male. Ogni volta lei accetta il comportamento per un po’, per poi cambiare improvvisamente idea e di colpo rifiutare il partner dicendo a se stessa “Gli uomini sono tutti uguali”. Non appena ricomincia una nuova relazione l’intera sequenza viene riproposta di nuovo da Anna. Il Gioco di Anna è chiamato “Ti ho beccato figlio di puttana”.

I Giochi sono ripetitivi, ogni persona gioca il suo gioco preferito più e più volte nel tempo. Gli altri giocatori possono cambiare ma lo schema rimane lo stesso.
I Giochi sono giocati senza consapevolezza.
In ogni gioco c’è qualcosa che succede a livello psicologico di diverso da quello che succede a livello sociale.

Cosa realizza una persona attraverso un Gioco?
La persona agisce così pensando di evitare il cambiamento.
Tanto maggiori sono i Giochi che la persona mette in atto tanto più grande è il disagio che vive.
Nell’effettuare un gioco seguiamo delle strategie superate, adottate da bambini per ottenere quello che volevamo dal mondo. Nella vita adulta abbiamo altre opzioni che ci possiamo vivere per ottenere ciò che vogliamo in modo positivo senza aver bisogno di svalutare e manipolare la realtà.

In questo articolo ho fatto riferimento all’Analisi Transazionale (A.T.) modello che utilizzo per comprendere e gestire il vissuto che la coppia porta in mediazione familiare.
Se hai domande mandami una e.mail e ti risponderò, oppure chiamami per prendere un appuntamento, i miei recapiti li trovi sul sito, www.mediazionecoaching.net, o semplicemente puoi aspettare che pubblichi un mio nuovo audio o articolo.

Bibliografia “L’Analisi Transazionale” di Ian Stewart e Vann Joines; “Nati per vincere” di James Muriel e Jongeward Dorothy.
A presto!
Olga Frassetti
Mediatore Familiare A.I.Me.F.
© Riproduzione riservata