Quando il coachee cerca il “genio della lampada”…

genio della lampadaQuando il coachee cerca il “genio della lampada”…

Il coach è il professionista che stimola in modo decisivo il suo cliente a produrre risultati ed a portare soddisfazione e qualità nella propria vita personale e professionale attraverso lo sviluppo delle potenzialità umane. Il coachee è il cliente del coach che richiede l’aiuto professionale del coach per realizzare un suo desiderio.

È importante comprendere che un buon coach non aiuta ma stimola, lavora con il cliente…non al suo posto. Nel coaching, infatti, coach e coachee agiscono sullo stesso piano up/up, sono due partner forti che operano in piena autonomia e responsabilità.

E se ciò che vogliamo non dipende da noi…?

È fondamentale chiarire subito che il coach non è “il genio della lampada”, è il professionista che allena al cambiamento, stimola la conoscenza e l’acquisizione di nuove capacità, competenze, abilità ma non realizza obiettivi impossibili.

Tra gli obiettivi impossibili si annoverano tutti quegli obiettivi che non sono esclusivamente sotto il nostro controllo. Ad es. se il contratto che presenta il coachee è: “voglio fidanzarmi con quella ragazza”, il coach deve far comprendere al coachee che dipendendo l’obiettivo proposto anche dalla volontà dell’altro siamo di fronte ad un effetto e non ad una meta, effetto che non può essere controllato dipendendo anche da un’altra persona.

Bisogna capire che questo obiettivo prevede l’azione volontaria di un altro individuo per potersi realizzare, un altro individuo non controllabile, quindi, questo contratto non può essere accettato.

Il contratto da presentare e che il coach può accettare è: “voglio imparare a pormi differentemente”.

Esistono cose impossibili che desideriamo, e nonostante ci creino frustrazione, non riusciamo ad evitare di desiderarle.

Fra le cose impossibili rientrano la salute, la genetica, il tempo, le condizioni atmosferiche, le leggi fisiche, le persone (desiderare di controllare gli altri è un delirio in quanto l’altro è diverso da me).

Dunque, se non possiamo impedirci di desiderare possiamo però “contenere” il desiderio di realizzare una cosa impossibile.

Se impari a desiderare il possibile diventerai un gaudente” (Epicuro).

Le cose possibili possono essere a loro volta probabili o improbabili.

Se ci poniamo l’obiettivo di realizzare qualcosa che è possibile, non vuol dire che quel qualcosa si realizzi sicuramente o del tutto.

Nash dice: “se inizi un’azione sarai più gratificato se, indipendentemente dall’esito dell’azione, sarai soddisfatto nel compiere l’azione stessa”.

Noi possiamo fare del nostro meglio e fare in modo che le nostre azioni siano mirate al raggiungimento dell’obiettivo, ma il risultato di quelle azioni è per alcuni aspetti fuori dal nostro controllo.

Dunque, quello che chiamiamo obiettivo è costituito da due parti: ciò che cade “maggiormente” sotto il nostro controllo e ciò che cade “minormente” sotto il nostro controllo.

Meta (ciò che cade maggiormente sotto il nostro controllo).

Effetto (ciò che cade minormente sotto il nostro controllo).

Il coach lavora sulle mete e non sugli effetti.

Il cliente di solito si identifica con gli effetti e, così facendo, in realtà cerca il “Genio della lampada”, qualcuno che lo aiuti a realizzare magicamente i suoi desideri.

A seconda delle probabilità con cui si possono realizzare gli effetti, essi si divideranno in:

ipotesi ottimistica (se l’effetto si realizza completamente secondo i miei desideri);

ipotesi mediana (se l’effetto si realizza parzialmente);

ipotesi pessimistica (se l’effetto non si realizza come io desidero).

È pessimistico secondo il nostro desiderio ma non è detto che lo sia in assoluto.

Dunque, dobbiamo capire che l’obiettivo è formato da materia possibile e impossibile ed imparare a distinguere all’interno dell’obiettivo la meta dall’effetto.

Grazie da Olga Frassetti, se hai domande mandami una e.mail e ti risponderò oppure chiamami se vuoi intraprendere un percorso di coaching, i miei recapiti li trovi sul sito, www.mediazionecoaching.net, o semplicemente puoi aspettare che pubblichi un mio nuovo audio o articolo.

Se desideri ricevere risorse gratuite sulla programmazione neurolinguistica, il coaching, la mediazione familiare, l’analisi transazionale iscriviti alla Newsletter del Sito www.mediazionecoaching.net.

A presto!

Olga Frassetti

© Riproduzione riservata

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>